marsupioterapia

Ciao a tutti, sono Barbara infermiera da tanti anni in TIN e ora consulente professionale in allattamento e consulente perinatale.
Con questo primo articolo, vorrei con voi fare un meraviglioso viaggio alla scoperta di voi e del vostro bambino e di come fin dai primi momenti la natura ci mette a disposizione strumenti splendidi per affrontare l’intero viaggio dei primi mesi di vita.
Oggi parleremo di Pelle A Pelle!
Ne abbiamo sentito parlare tante volte, ma esattamente perché è così importante ed è tanto raccomandato?

LA MERAVIGLIA DEL PELLE A PELLE

L’OMS e l’UNICEF raccomandano un contatto pelle a pelle prolungato, almeno 2 ore, subito dopo il parto…
ma se il mio bimbo è prematuro?
Se il tuo bimbo è prematuro o è stato separato da te alla nascita perché bisognoso di cure, avrà l’opportunità di essere messo a contatto con il tuo corpo appena le sue condizioni si saranno stabilizzate, la MARSUPIO TERAPIA o Kangaroo Mother Care.
È un contatto prolungato tra mamma e bambino o tra papà e bambino, che permette ad entrambi di conoscersi di esplorarsi.
Al bambino viene permesso di potersi muovere sul petto della mamma, di poterla toccare, di poterla annusare e di assaggiare la sua pelle con la bocca, permettendo così ai batteri buoni della pelle materna, di  olonizzare la sua bocca e il suo intestino.
I seni della mamma si irrorano di sangue così la pelle diventa tiepida e calda, i respiri si fanno più lenti, quasi sincroni, i cuori battono all’unisono Sembra magia ma non lo è… è la natura che mette a disposizione dei neonati, piccoli e fragili, un ottimo sistema di termoregolazione e di risparmio energetico, il corpo della madre, come durante la gravidanza, continua a fare da contenitore e da sostegno.
Piano piano, passano i giorni e il piccolo prematuro cresce, diventando più competente, lo vedremo muoversi cercare con più grinta, spostarsi con eterminazione verso il seno materno, esplorandolo e cominciando a provare a succhiare…
E poi questi tentativi si trasformano in istinti prepotenti di ricerca, inizia a spingere con le manine a cercare con la bocca, sembra quasi che voglia respingere il seno, che voglia allontanarsi, ma invece ti sta dicendo che non sa cosa fare, che ci vuole provare, che ha bisogno di aiuto…

Ma nel frattempo cosa succede nel tuo corpo mamma?
Subito dopo il parto, per quanto questo possa essere stato prematuro o urgente, i tuoi ormoni si modificano: il progesterone scende, la prolattina sale, il tuo corpo si prepara a completare il lavoro iniziato nel tuo sesto mese di gravidanza, LA PRODUZIONE di LATTE.
Durante il pelle a pelle, gli ormoni aumentano, l’ossitocina e la prolattina ormoni dell’accudimento, portano il tuo corpo e la tua mente a proteggere il tuo bimbo, a tenerlo vicino, l’aumento di irrorazione delle mammelle, fa in modo che la ghiandola riceva tanto sangue e aumenti la sua produzione, la tua ipofisi produce ondate di ossitocina, che oltre ad aumentare la tua temperatura riempirà di latte i tuoi dotti, che potranno iniziare a far uscire latte spontaneamente. Non è magia è la natura che porta il tuo corpo ad accudire, scaldare, nutrire.
Per questo dopo aver fatto pelle a pelle, tirare il latte o spremerlo è molto più semplice e la quantità spesso è maggiore.
Rimettersi in pelle a pelle con il tuo ambino anche una volta che è uscito dalla termoculla o quando finalmente siete a casa è consentirgli di fare esperienza, di tornare nel suo posto sicuro; gli ermetterai così di mettere in gioco tutte le sue competenze i suoi istinti, favorendo un attacco al seno spontaneo ed efficace.
Se anche non allatti, ma nutri il tuo ambino con il latte di formula, fare pelle a pelle, gli permette comunque di colonizzarsi con i batteri buoni della tua pelle, vi permette di creare un legame profondo, ti permette di conoscerlo, di osservarlo, di studiare i suoi movimenti e i suoi ritmi di sonno e veglia, è un momento intimo solo per te e lui.